Olimpiadi
Benvenuto
Login

La reginetta giapponese delle piscine, 19 anni da compiere a luglio, simbolo delle Olimpiadi di Toky

Grazie! Condividilo con i tuoi amici!

URL

Non hai gradito questo video. Grazie per il feedback!

Ci dispiace, solo gli utenti registrati possono creare le playlists.
URL


Aggiunto da clservice in Olimpiadi
26 Visioni

Descrizione

La reginetta giapponese delle piscine, 19 anni da compiere a luglio, simbolo delle Olimpiadi di Tokyo 2020, si è sentita male durante un ritiro in:
http://www.repubblica.it/sport/vari/2019/02/12/news/nuoto_annuncio-shock_di_rikako_ikee_ho_la_leucemia_ma_la_battero_-218918558/.

Grazie per la visione, iscriviti per altri video:
https://www.youtube.com/channel/UCxfXeGvn5MibYDc1txUQxUg?sub_confirmation=1
TOKYO (Giappone) - Era stata scelta dagli organizzatori come immagine simbolo per le Olimpiadi di Tokyo 2020, ma adesso Rikako Ikee è chiamata a vincere un'altra ben più impegnativa sfida, quella per la vita. La reginetta del nuoto giapponese, 19 anni non ancora compiuti, ha infatti la leucemia. L'annuncio-shock l'ha dato lei stessa: "Mi sono sentita male e sono tornata in tutta fretta dall'Australia: dopo gli esami mi è stata diagnosticata la leucemia. Non riesco ancora a crederci e sono sconvolta". IKEE: "HO LA LEUCEMIA, MA POSSO BATTERLA" Era in ritiro in Australia la giovane atleta, su cui puntava l'intera squadra nipponica, dopo esser salita alla ribalta ai Giochi Asiatici dello scorso anno, dove aveva conquistato sei medaglie d'oro. La superstar adolescente, che detiene una serie di record nazionali, puntava all'oro in particolare nei 100 metri farfalla. Ikee ha già detto ai fan che vuole battere la sua malattia: "Se curata correttamente, può essere sconfitta". Intanto però è stata costretta a ritirarsi dai campionati giapponesi ad aprile. "Mi dedicherò alle cure e mi sforzerò di mostrare una Rikako Ikee ancora più forte", sottolinea la nuotatrice nata proprio nella capitale giapponese, che ai Giochi Asiatici di Giacarta aveva rubato la scena alla cinese Sun Yang, agguantando otto medaglie in totale, un record precedentemente ottenuto solo dal nordcoreano So Gin Man, nel 1982. Sarebbe andata ai campionati del mondo quest'anno in Corea del Sud come una delle favorite e invece dovrà rinunciare, si spera temporaneamente, alla propria carriera costellata già di successi. I PRIMI TITOLI MONDIALI A SOLI 14 ANNI Rikako Ikee è nata il 4 luglio 2000 a Tokyo e ha trascorso l'adolescenza preparandosi a diventare una campionessa di nuoto. Nell'aprile del 2015, a soli 14 anni, diventa la prima studentessa giapponese della scuola media superiore a qualificarsi per i Campionati FIFA World Aquatics. In quei campionati del mondo, a Singapore, guadagna l'oro nella farfalla su 50 e 100 metri, l'argento nei 50 metri stile libero, un bronzo nella staffetta 4 x 100 metri misti, e il quarto posto nei 100 metri stile libero. Nelle gare in cui vinse l'oro stabilì i nuovi record dei campionati. Ancora nel 2015, nella Coppa del Mondo di Tokyo, la campionessa giapponese migliora il record nazionale nei 100 farfalla, vincendo la gara in 57″56 e infrangendo il primato (57″77) stabilito da Yuka Kato nel 2012. Nella stessa competizione ritocca un altro record nazionale, quello nei 50 metri farfalla, con 26″17. Nel 2016, diviene la prima atleta giapponese a infrangere la barriera dei 54 secondi nei 100 metri stile libero, fermando il cronometro sul 53″99 al Konami Open, dove stabilisce anche il record mondiale juniores nei 50 stile libero, in 24″74. A soli 15 anni, diventa così la decima atleta più veloce al mondo in assoluto. Nello stesso anno partecipa ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro, dove abbassa tre volte il proprio record nazionale nei 100 farfalla e si piazza
#La, #reginetta, #giapponese, #delle, #piscine19, #anni, #compiere, #luglio, #simbolo, #delle, #Olimpiadi, #Tokyo2020
#nuoto, #rikakoikee

Commenti disabilitati.
RSS